La musica brasiliana:
Anni 1901-1916
Anni 1917-1928
Anni 1929-1945
Anni 1946-1957
Anni 1958-1964
Anni 1965-1972
Anni 1973-1985
Anni 1986-2000
Documento senza titolo

Jura

Na Pavuna

Agora E' Cinza

Documento senza titolo

Anni 1929-1945 (1/9)

La musica popolare brasiliana gode della sua prima grande fase di splendore nel periodo 1929/1945, nella cosiddetta “Epoca de Ouro”, una tappa particolarmente fertile che fissa i canoni musicali per il resto del secolo, frutto del rinnovamento musicale iniziato negli anni precedenti con la creazione del samba, della marchinha e di altri generi, dello sviluppo tecnologico con l'avvento della registrazione elettromagnetica e del cinema sonoro, e della fortunata coincidenza dell'apparizione nella stessa generazione di un numero considerevole di artisti di talento, emersi grazie alla nascita di svariate radio ed etichette discografiche.

Il primo artista a mettersi in luce nella “Epoca de Ouro” è il cantante Mario Reis, caratterizzato da uno stile più intimo e colloquiale che rompe la tradizione del “bel canto” all'italiana che imperava al tempo, un cambiamento fondamentale che di fatto marca la divisione della storia del canto popolare brasiliano in due parti, prima e dopo Mario Reis.

Il samba carnevalesco "Na Pavuna", del 1930, segna l'ingresso in sala d'incisione degli strumenti della batucada, suonati direttamente dai componenti delle scuole di samba, sfatando il tabu dell'epoca per il rischio che "succhiassero" le registrazioni.


Riferimenti multimediali:
1) 1929 - “Jura” (samba) Sinho – canta Mario Reis
2) 1930 - “Na Pavuna” (samba/carnaval) Homero Dornelas e Almirante – Bando de Tangaràs
3)
1934 - “Agora E' Cinza” (samba/carnaval) Alcebiades Barcelos e Armando Marçal – canta Mario Reis